Immagine

Viaggio in Toscana: 4 giorni alla scoperta del Chianti

Ho sempre desiderato conoscere l’entroterra toscano e quest’estate ho approfittato dei (sfortunatamente) pochi giorni di ferie per organizzare un bel viaggio in una delle zone più belle di questa regione, il Chianti.

La zona del Chianti si trova tra Firenze e Siena ed è famosa per la produzione del omonimo vino molto apprezzato in tutto il mondo. Essa vanta panorami armoniosi con colline decorate da filari di vigneti e ulivi e una grande quantità di castelli e borghi medioevali.

Noi abbiamo prenotato presso Villa Barberino a Meleto, un’antica corte del 14° secolo completamente ristrutturata e diventata una bellissima villa dal sapore retrò, circondata da giardini e dotata di una piscina immersa in un uliveto.

Il primo giorno, stanchi dal viaggio, ne abbiamo approfittato per riposarci in piscina e scoprire la villa: vi sono diverse strutture, le quali ospitano stanze di tipologia diversa e appartamenti e ogni angolo è curato nel minimo dettaglio e circondato da rose, piante rampicanti e pozzi antichi.

Il secondo giorno dopo un’abbondante colazione siamo partiti alla scoperta del Chianti.

Prima tappa: Greve in Chianti.

Si tratta di un piccolo paesino, che si snoda intorno alla sua piazza principale, gremita di graziosi ristorantini con terrazze tutte colorate, e infilandosi nelle viuzze intorno alla piazza si scoprono piccoli negozi di prodotti tipici e botteghe artigiane molto affascinanti. Noi abbiamo pranzato all’OliOsteria, dove un cameriere gentilissimo ci ha raccontato la storia del luogo e della sagra del vino, che si svolge nel mese di Settembre, molto famosa a suo dire, quindi segnatevela se passate da quelle parti!

Il clima in Toscana varia velocemente e mentre eravamo in viaggio dei nuvoloni minacciosi ci hanno costretti ad una seconda tappa obbligata: Radda in Chianti. Il paese sorge su un colle ed è possibile ammirare una bellissima pieve romanica, in cima ad un’antica scalinata. Vi consiglio una passeggiata sulle mura circostanti che permettono di ammirare il panorama e se riuscite, mi raccomando, scovate quel vicoletto medioevale piccolo e illuminato da torce dove era nascosta una taverna che offriva degustazioni di vini!!! Quando siamo passati noi ahimè era chiuso!

Non appena la pioggia ha smesso di cadere siamo ripartiti per andare ad ammirare uno dei posti più belli della zona, il Castello di Brolio che si trova a Gaiole in Chianti. Dovete sapere che il Chianti è ricco di castelli e ville antiche aperti ai visitatori, ma il Castello di Brolio è il più grande della zona e avendo poco tempo abbiamo puntato subito al meglio!

Il castello di Brolio risale al X secolo ed è stato protagonista di diverse guerre passando da un ricco signore all’altro e venendo parzialmente distrutto e ricostruito in vari bombardamenti. Il biglietto costa 10 euro e comprende la visita agli esterni del castello, alla cappella di San Jacopo e ad una degustazione gratuita di un vino a scelta all’enoteca del castello. Ragazzi, è oggettivamente un castello meraviglioso e quando si percorrono le mura si spalanca davanti agli occhi una vista stupenda che da sola vale tutto il biglietto e dove potete approfittare per fare delle bellissime foto!

Il terzo giorno abbiamo deciso di visitare Siena, una città stupenda dove in ogni via si respira aria di medioevo, sudore di cavalli e storie antiche. Il centro è piuttosto grande e in ogni strada i porta lampioni sono decorati con i colori delle contrade del famosissimo palio. Ad un certo punto abbiamo visto una folla di persone con i cellulari alla mano e davanti ai nostri occhi si è aperto il favoloso spettacolo di Piazza del Campo e del Palazzo Comunale.

Dovete sapere che Piazza del Campo è caratterizzata da una particolare forma a conchiglia, cioè suddivisa in nove spicchi, il cui punto d’incontro si trova in basso formando un certo dislivello. Il risultato è che camminando verso il Palazzo Comunale scendete letteralmente di qualche metro e gli edifici intorno alla piazza creano una corona circostante.

Purtroppo la fortuna non è stata con noi in questo viaggio, e dopo poche foto ha cominciato a tuonare e il cielo si è coperto. Prima di rintanarci in qualche ristorantino abbiamo deciso di tentare la sorte e cercare di vedere almeno la cattedrale, che sapevo essere particolarmente bella.

Posso confermare che le voci sono vere, e se come me amate lo stile gotico, non potete non ammirare questa meraviglia, decorata da guglie, archi a sesto acuto e mosaici dorati. Non siamo riusciti a visitare l’interno dell’edificio, motivo per cui saremo costretti a tornare nuovamente a Siena, che peccato!

Il resto della giornata è trascorso molto semplicemente, tra un delizioso pranzo innaffiato da abbondante vino fino ad un ritorno all’albergo innaffiato da abbondante pioggia!

La pioggia in moto è un’esperienza unica: le piccole e innocue  goccioline diventano aghi pungenti che cadono sulle caviglie e i vestiti umidi con il vento diventano Polaretti, ma comunque niente che non possa essere risolto con una bella doccia bollente al rientro!

L’ultimo giorno dopo il check out e tutti i preparativi abbiamo deciso di fare una piccola sosta a Firenze, una delle mie città preferite. Non mi dilungherò molto perchè non siamo più nella zona del Chianti ma comunque vi do un paio di consigli su cosa vedere se avete poco tempo.

Sicuramente non potete perdere Ponte Vecchio, famoso per le sue gioiellerie artigiane, e la Galleria degli Uffizi che si trova nelle immediate vicinanze. Vi consiglio di prenotare per evitare la coda all’ingresso e risparmiare tempo prezioso.  All’interno troverete opere stupende, quadri di Botticelli, Leonardo Da Vinci e molti altri artisti di infinita fama.

Anche il Duomo di Santa Maria del Fiore vale la pena di essere visitato, badate però che la coda all’ingresso è lunga e non c’è modo di saltarla. Se potete vi consiglio di andarci quando c’è minor afflusso di turisti come la mattina presto o l’ora di pranzo. Se la coda per il Duomo è troppo lunga consolatevi con il Campanile di Giotto; dall’alto dei suoi 85 metri vi regalerà una delle viste di Firenze più pazzesche che possiate ottenere! Occhio alle scale ragazzi, non c’è l’ascensore!

Ragazzi, spero che questo articolo vi sia piaciuto!

Fatemi sapere se questi post a tema viaggi vi piacciono perchè io ho adorato tantissimo fare la travel blogger poraccia e non mi dispiacerebbe ripetere l’esperienza!

Un abbraccio a tutti!

Chiara

2 pensieri su “Viaggio in Toscana: 4 giorni alla scoperta del Chianti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...